A proposito di Grace

A proposito di Grace

Graziella Spanò anima e ideatrice di un lavoro che è anche uno stile di vita dove mobili e oggetti dialogano fra loro in un insieme fluido e armonico. Tornare un pò bambini togliendoci il disincanto degli adulti, restituendo ai nostri occhi la gioia della meraviglia, è così che i mobili vengono stravolti nei colori e nella funzionalità. Poltrone dimenticate nel passato tornano a vivere con tessuti, che seppur differenti, dialogano fra di loro, richiamate da colori e da piccoli dettagli. Passato e presente si fondono per regalare un viaggio di incanto e meraviglia.

Dicono di lei

Raffinati accostamenti d'oggetti diventano scenografie evocative della storia e del gusto di una donna. Un viaggio inatteso e suggestivo in forma di creativita che raggiunge alti livelli di poesia e dichiara il rispetto per il passato, che ritorna in scena con la freschezza dei fiori posati sul tavolo

Vanni Moroni Pittore

Una seconda vita con Grace, il mobile d'autore sfida la crisi. La filosofia? Trovare se stessi in ciò che ci circonda e riciclare

Adriana Morlacchi Giornalista

Conosco una donna compiere i gesti quieti e danzanti dell'artigiano e ama vivere il suo tempo alla ricerca di curiosita, che ama domandare e ascoltare i mondi nascosti degli altri per dare forma e colore a idee confuse conosco una donna che non ama il riflesso di vetrine esibizioniste con tanti occhi addosso e che ama stare all'aria aperta conosco Grace

Sara Pozzi scrittrice

Grace, nome latino per un mondo di fiaba dove mobili e poltrone accarezzate da mani esperte diventano miracoli che vestono la quotidianità. E allora è comodo, sulla mia poltrona preferita, trovare una cornice per i miei pensieri, aprire un cassetto dove riporre piccole grandi fantasie

Luca Traini scrittore

Graffiate di colore che apportano uno stile e ne definiscono il carattere..decorazione certo, ma al di fuori di ogni banalità e di ogni costosità, partendo da oggetti e mobili destinati a una squallida fine a cui infonde con estro una nuova accattivante esistenza. La ricetta? Buon gusto, occhio fino, molta creatività e un pizzico di anticonformismo

Living is Live